La Regione Liguria paga i debiti alle imprese

Dopo lo sblocco a luglio dei pagamenti da parte del Ministero dell’Economia e delle Finanze per i debiti della pubblica amministrazione nei confronti dei fornitori

e delle imprese, contratti entro il 31 dicembre 2012,  la Regione Liguria ha certificato l’avvenuto pagamento per 98 milioni di euro.

Grazie al decreto “salvaziende” la Liguria ha provveduto  a sanare i debiti con i fornitori regionali e con gli Enti locali per 17 milioni di euro nei settori “Extrasanitari”, già erogati e per 81,8 milioni contratti dalle Asl per il settore sanitario. Un flusso di denaro che consente di dare respiro a tutte quelle aziende che lavorano con la pubblica amministrazione e che, negli anni, hanno accumulato crediti che hanno messo in difficoltà le imprese.

La notizia è stata comunicata, a margine del consiglio regionale dagli assessori al bilancio e alla salute della Regione Liguria, Pippo Rossetti e Claudio Montaldo. Si tratta di una prima erogazione frutto del riconoscimento dei crediti contratti che per i fornitori regionali ammontano ad un totale di 57,8 milioni di euro e per il sistema sanitario a 184 milioni.

La  Cna Ligure, per bocca del suo Presidente, Marco Merli (foto), ha espresso soddisfazione perché è arrivata un’importante boccata di ossigeno a molte imprese che da tempi lunghissimi vantavano crediti nei confronti della regione. La Cna auspica anche che si possa giungere al più presto, come annunciato dagli assessori Rossetti e Montaldo, al pagamento totale dei debiti residui, che sono di circa 40 milioni di euro per l’extrasanitario e di oltre 100 milioni per il sanitario.

liguriaeconomy.it   |   © 2012 DP Media - p.i. 01962480990   |   contattaci   |   privacy & cookies

Le foto presenti su liguriaeconomy.it sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero
contrari alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.