Commercianti strozzati dalle tasse

I negozi genovesi sono in crisi nera

Non ce la fanno più. Continuano ad abbassare le saracinesche, fanno fatica a quadrare i conti già il 20 del mese e alcune volte il non emettere lo scontrino

diventa quasi un "must" per cercare di sopravvivere. Sono i commercianti genovesi che, al pari di quelli di altre regioni italiane, vedono la concorrenza degli esercizi commerciali cinesi, indiani e nordafricani come la minaccia numero uno, visti i prezzi bassissimi di questi ultimi. 
I commercianti genovesi, almeno una buona fetta di essi, ieri mattina hanno protestano a Palazzo Tursi, sede del Comune di Genova, contro il nuovo gabello della Tarese, il conguaglio del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi. "Dal 2010 a oggi i pubblici esercizi hanno dovuto fare i conti con un aumento medio del 20% per quanto riguarda il prezzo della merce, e addirittura del 25% per le utenze di luce, acqua e gas. Ma il colpo di grazia  -  spiega la Fepag Ascom  -  viene dall'imposta sui rifiuti che, con il passaggio da Tia a Tares, è praticamente raddoppiata"

liguriaeconomy.it   |   © 2012 DP Media - p.i. 01962480990   |   contattaci   |   privacy & cookies

Le foto presenti su liguriaeconomy.it sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero
contrari alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.