Venerdì, il rapporto dell'economia spezzina

Venerdì 13 luglio, alle ore 10, nella Sala Marmori della Camera di Commercio della Spezia, sarà presentato il rapporto annuale dell’economia spezzina.

L’incontro, non sarà solo una presentazione di dati ma, soprattutto, un confronto costruttivo sulle fasi decisive per lo sviluppo del territorio spezzino: questo il significato della presentazione del Rapporto economico provinciale che, come ogni anno, è organizzato nel mese di luglio dalla Camera di Commercio della Spezia per analizzare le dinamiche e i cambiamenti in atto nei vari settori.
Il programma prevede i seguenti interventi: apertura dei lavori del prefetto della Spezia, Giuseppe Forlani; Stefano Senese, segretario generale della Camera di Commercio (Elementi dell'economia provinciale); Gianfranco Bianchi (foto), presidente Camera di Commercio (La Camera di Commercio per il nuovo sviluppo economico); Massimo Federici, sindaco Comune della Spezia (I progetti della città per la crescita economica e sociale); Andrea Toscano, comandante in capo del Dipartimento Militare Marittimo dell'Alto Tirreno (La Marina Militare alla Spezia: ruolo, valore, prospettive); Giovanna Pedote, direttrice filiale La Spezia della Banca d'Italia (La congiuntura economica e l'accesso al credito nell'economia locale); Vittorio Alessandro, presidente Parco Cinque Terre (Il Parco delle Cinque Terre in un'ottica di integrazione complessiva con il territorio spezzino); Enso Papi, presidente Termomeccanica S.p.A. (Il ruolo del sistema produttivo locale). La conclusioni sono affidate a Renzo Guccinelli, assessore regionale alle Attività Produttive e al presidente della Camera di Commercio, Gianfranco Bianchi. L'incontro è aperto a tutti.

liguriaeconomy.it   |   © 2012 DP Media - p.i. 01962480990   |   contattaci   |   privacy & cookies

Le foto presenti su liguriaeconomy.it sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero
contrari alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.