Il ruggito del topo

“I licenziamenti vanno bloccati”, ruggisce il sindaco Marco Doria mentre la disperazione si diffonde tra i lavoratori non solo di Piaggio ed Ericsson ma anche delle altre industrie in crisi,

dalla Bombardier alla Tirreno Power. E via andare con questo disastroso bollettino di guerra che segna solo morti e feriti. Purtroppo quelle del primo cittadino genovese sono parole “disarmate”, di cui il destinatario (le industrie che pensano di risolvere le proprie crisi decimando gli organici) può tranquillamente “farsene un baffo”. Verrebbe da definirle - come in un vecchio film di Peter Sellers - “il ruggito del topo”.
Purtroppo le regole di un’economia di mercato sono queste, piaccia o non piaccia. Semmai - fino a quando la nostra realtà sarà quella di mercato - la soluzione alla catastrofe umanitaria della disoccupazione può essere curata soltanto innestando processi in controtendenza, che al declino di imprese e settori contrappongano l’accompagnamento alla crescita di nuove intraprese.
Facile a dirsi… Ma i problemi nascono già dal fatto che le cabine di comando liguri risultano abbondantemente videolese per quanto riguarda la percezione di cosa starebbe maturando nelle nicchie di iniziative nel sistema locale, di cui pure si intuisce la presenza.
Il tema già altre volte sollevato da Liguriaeconomy della mancanza di un osservatorio regionale sulle tendenze socio-economiche d’area.
Comunque - in base al principio del “ognuno faccia la sua parte” - compatibilmente alle proprie (modestissime) risorse, la nostra testatina intende andare alla ricerca di queste potenzialità, da segnalare a chi potrebbe/potrà valorizzarle. Già a partire dai prossimi giorni.

Pierfranco Pellizzetti

liguriaeconomy.it   |   © 2012 DP Media - p.i. 01962480990   |   contattaci   |   privacy & cookies

Le foto presenti su liguriaeconomy.it sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero
contrari alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.