Abb acquisisce il settore ferroviario di Rgm

ABB ha sottoscritto l’accordo per l’acquisizione del business relativo ai componenti di potenza per veicoli ferroviari della società italiana RGM SpA.

 

RGM, con sede a Genova, è il più grande produttore italiano di convertitori ausiliari che forniscono l’alimentazione elettrica di bordo a convogli tranviari e metropolitani, a treni regionali e intercity nonché locomotive.
Questa linea di business, che si avvale della collaborazione di 68 dipendenti, entrerà a far parte del Gruppo ABB. Le parti hanno concordato di non diffondere i termini dell’accordo di acquisizione, che è soggetto all’ottenimento delle consuete autorizzazioni antitrust.
RGM è anche un importante fornitore di alimentatori, componenti e altre apparecchiature elettroniche destinate a diverse tipologie di industria. Questo business di RGM non rientra nell’accordo di acquisizione.
I clienti di ABB beneficeranno delle soluzioni avanzate nel campo dei convertitori ausiliari, in particolare nei mercati con linee in corrente continua, grazie alla competenza di RGM nell’elettronica di potenza e nel settore ferroviario.
ABB, negli anni più recenti,  ha registrato una crescita annuale del 30% nelle attività per il ferroviario, divenendo un fornitore importante per numerosi costruttori di veicoli e operatori. Nel 2011, ABB ha registrato un ordinato superiore a 1,1 miliardi di dollari nel settore ferroviario.
“Integrando le nostre attività relative ai convertitori ausiliari con l’offerta del Gruppo ABB, apporteremo notevoli vantaggi sia al business che ai nostri clienti” ha dichiarato Giuseppe Guerra (foto), titolare e Amministratore Delegato di RGM “I prodotti di alta qualità sviluppati da RGM potranno raggiungere mercati globali attraverso i canali di vendita di ABB e i nostri clienti potranno accedere a un portafoglio più ampio da un unico fornitore”.

liguriaeconomy.it   |   © 2012 DP Media - p.i. 01962480990   |   contattaci   |   privacy & cookies

Le foto presenti su liguriaeconomy.it sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero
contrari alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.