Manganaro (Fiom) mette nel mirino il governo

Bruno Manganaro, segretario genovese della Fiom Cgi

Anziché prendersela con gli indiani di ArcelorMittal, che hanno gettato nel panico oltre 12 mila famiglie italiane e quasi 1200 nella sola provincia di Genova rinunciando al contratto

e ridando l’Ilva in mano al Governo italiano, il “compagno” Bruno Manganaro della Fiom Cgil genovese mette nel mirino il governo giallorosso, vicino al suo pensiero politico, dopo il clamoroso annuncio del colosso asiatico. Manganaro minaccia una guerra per le strade di Genova, tipico dei sindacati di sinistra, ed osserva: <Il lavoro non è considerato centrale nell’agenda politica di questo governo romano, il quale ha giocato su un contratto, e il conseguente accordo sindacale firmato solo un anno fa, smontandolo subito dopo a scapito dei lavoratori. L’atteggiamento del nostro esecutivo è irresponsabile. Ma una domanda sorge lecita: pe il governo italiano, la nostra siderurgia è di vitale importanza? È nella sua agenda?>.

E da Roma i responsabili della Fiom rilanciano che il governo ha in mano una bomba sociale che sta per esplodere, con mezza Taranto sul piede di guerra.

liguriaeconomy.it   |   © 2012 DP Media - p.i. 01962480990   |   contattaci   |   privacy & cookies

Le foto presenti su liguriaeconomy.it sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero
contrari alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.