Baglietto, firmata l'intesa

Pochi l'avrebbero detto quando è cominciata ma la crisi dei Cantieri Baglietto, marchio storico della cantieristica ligure, si sta chiudendo nel migliore dei modi,

con il coinvolgimento nel territorio regionale di due grandi imprenditori: Gavio alla Spezia e Vitelli di Azimut a Varazze. «Da una crisi che aveva molti punti interrogativi portiamo a casa un rilancio inaspettato - ha commentato l'assessore allo sviluppo economico Renzo Guccinelli (foto) - grazie all'impegno di due realtà imprenditoriali di primo piano e alla grande disponibilità dei lavoratori, che hanno ricercato con determinazione e pazienza l'accordo».
Di oggi la firma dell'intesa che sancisce il penultimo atto della vicenda: il preaccordo tra liquidatore e Azimut prevedeva impegni di istituzioni locali e rappresentanze sindacali, oggi messi nero su bianco e firmati. Regione, Provincia di Savona e Comune di Varazze garantiscono di fare la loro parte per dare tempi certi e rapidi al rinnovo delle concessioni demaniali nel porto e al rilascio delle concessioni edilizie per i necessari interventi di ristrutturazione del cantiere. L'impegno riguarda anche l'attivazione dei percorsi formativi per quei lavoratori che dovranno essere impiegati in nuove attività.
Con queste premesse la firma tra liquidatore e Azimut è questione di poche settimane. L'acquirente ha pronto un piano industriale. «Le risorse ci sono, i mercati anche - assicura Paolo Vitelli di Azimut - chiediamo alla Regione di attivare al più presto il tavolo di lavoro».
«Varazze perde un marchio storico della cantieristica, che però rimane in Liguria, alla Spezia - ha commentato il Presidente Burlando - in compenso acquista il maggiore imprenditore nel settore della nautica: penso che da qui a qualche anno, quando si vedranno i risultati, si capirà che abbiamo fatto la scelta giusta per il lavoro, l'occupazione e lo sviluppo».

REGIONE LIGURIA - GIORNALE DELLA GIUNTA

liguriaeconomy.it   |   © 2012 DP Media - p.i. 01962480990   |   contattaci   |   privacy & cookies

Le foto presenti su liguriaeconomy.it sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero
contrari alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.