Il re dei buoni pasti si difende dalle accuse

Il genovese Gregorio Fogliani

Il re dei buoni pasto (nel carcere di Marassi dallo scorso 11 luglio) , o meglio l'ex re che aveva creato dal nulla un colosso che pareva invincibile,

il genovese Gregorio Fogliani della Qui Group (presente il bollino all'ingresso in quasi ogni bar o ristorante ligure ed extra regione) si difende dalle accuse. 

L'ex re dei buoni pasto accusa revisori e probiviri della sua azienda, una nuova strategia. Sui soldi in Brasile: "Raggirato da Tradii". Il bonus al genero, invece: "Un regalo di nozze meritato". 

Per l'accusa tesi che non reggono. 

liguriaeconomy.it   |   © 2012 DP Media - p.i. 01962480990   |   contattaci   |   privacy & cookies

Le foto presenti su liguriaeconomy.it sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero
contrari alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.