Vittorio Malacalza sulla banca Carige

L'intervista apparsa su alcuni quotidiani del presidente di ABI (Associazione Bancaria Italiana), Antonio Patuelli, suggerisce alcune riflessioni

che i ben informati del mondo bancario fanno trapelare in queste ultime ore. L'attuale silenzio della famiglia Malacalza sul piano di salvataggio di Carige, secondo alcuni, sarebbe legato a due aspetti: la volontà di mantenere il primato azionario e l’interesse di non vedere ceduti i gioielli di famiglia in pancia a Carige, dalle quote di Autostrada dei Fiori, a NPL di pregio, cosiddetti crediti esigibili, a Banca Fondiaria o all'istituto pubblico SGA, espressione del ministero del tesoro. 
Sono in molti a credere che i primi azionisti, che hanno perso più di 400 milioni di euro in Carige, dovrebbero essere destinatari da parte dei commissari di un atto di fiducia, un’apertura negoziale circa i temi sopra citati per salvare Carige dalla nazionalizzazione.

liguriaeconomy.it   |   © 2012 DP Media - p.i. 01962480990   |   contattaci   |   privacy & cookies

Le foto presenti su liguriaeconomy.it sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero
contrari alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.