Amt ed operai in rivolta

La catenella che separa gli autisti Amt dal pubblico

Scioperi e proteste si stanno verificando in queste ore in molte importanti aziende e unità produttive della Liguria a causa della mancata applicazione delle disposizione

di profilassi indispensabili per combattere la diffusione del contagio del Coronavirus nei luoghi di lavoro. Il problema ha provocato scioperi spontanei, comunicati aziendali, sospensione del lavoro, in alcuni casi in accordo fra direzioni aziendali e RSU (Rappresentanze Sindacali Unitarie). Citiamo solo alcuni dei casi più eclatanti di cui siamo venuti a conoscenza: scioperi spontanei si sono verificati allo stabilimento Fincantieri del Muggiano alla Spezia e nelle Riparazioni Navali a Genova, l’attività dell’Ansaldo è stata sospesa di comune accordo fra direzione aziendale e RSU, le RSU dei cantieri navali di Riva Trigoso e Sestri Ponente hanno diffuso un comunicato di protesta. A questo si aggiungono le proteste di ieri e di oggi dei lavoratori della Compagnia e dei dipendenti dei terminal PSA per i ritardi nelle operazioni di sanificazione dei mezzi e degli uffici al porto di Pra’, dove si sono verificate lunghissime code di autotrasportatori – più di 300 – con mezzi e persone ammassate in condizioni indegne per i lavoratori.

liguriaeconomy.it   |   © 2012 DP Media - p.i. 01962480990   |   contattaci   |   privacy & cookies

Le foto presenti su liguriaeconomy.it sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero
contrari alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.