Gruppo Fides

Con un fatturato globale che nel 2009 ha raggiunto i 15 milioni di euro ed un tendenziale per il 2010 che sfiora i 17 milioni di euro e oltre 300 dipendenti tra diretti ed indiretti, il Gruppo Fides, fondato nel 1981 dal dottor Roberto Suriani, rappresenta una delle realtà più significative nel panorama genovese dell’assistenza sociosanitaria, in grado di offrire una vasta gamma di prestazioni di tipo residenziale extraospedaliero, semiresidenziale e ambulatoriale, comprese la riabilitazione post-acuzie, la residenzialità geriatrica, la riabilitazione psichiatrica e fisioterapica. Umberto Suriani, figlio del fondatore del Gruppo ed attuale amministratore delegato della holding Fides Medica Spa, fa il quadro di un’attività in marcato sviluppo ed evoluzione. “La domanda di servizi per la non autosufficienza e la cosiddetta “fragilità” sono in costante aumento. Infatti, l’incremento dell’aspettativa di vita e l’impossibilità di fornire una risposta risolutiva alle patologie croniche generano una necessità crescente di servizi di tipo sociosanitario. Un’esigenza avvertita particolarmente in un’area geografica in cui la presenza della popolazione anziana e soprattutto molto anziana (gli ultrasettantacinquenni) è in costante aumento e genera una necessità crescente di servizi di tipo sociosanitario. E’ un settore decisamente a “capital intensive” (impone cioè un dispendio ragguardevole di risorse finanziarie) nel quale occorre coniugare competenze eterogenee. Non è più il tempo dell’imprenditore factotum, senza competenze manageriali. Oggi bisogna, anzitutto, essere dei buoni “direttori d’orchestra”, capaci di far lavorare insieme professionalità diverse ma assolutamente complementari come l’amministrazione, la finanza e controllo, le risorse umane”.
Il Gruppo Fides interpreta in senso moderno ed efficiente una problematica sempre più sentita e pressante. Le residenze sanitarie assistenziali sono diventate quasi delle strutture di “cure intermedie”, dove operano medici di diverse specialità, infermieri e fisioterapisti laureati, nonché operatori socio sanitari con uno specifico percorso formativo.
La Fides opera, nel territorio della provincia di Genova, in nove strutture sanitarie assistenziali, tutte caratterizzate da strutture modernissime e dalla massima efficienza anche a livello di personale. Questo l’elenco completo: ambulatorio riabilitativo di Quinto; tre residenze sanitarie assistenziali a Quarto, San Martino e a Manesseno di Sant’Olcese; centro riabilitativo di Quinto con tre unità operative (centro diurno, RSA riabilitativa e presidio per grandi cerebropatie acquisite); presidi psichiatrici a Campomorone, Masone e Pieve Ligure; residenza riabilitativa psichiatrica in centro città.
Di particolare interesse la nuova struttura RSA Le Clarisse di nuova costruzione a pochi metri dall’Ospedale San Martino. In questa residenza Riabilitativa sono state coniugate le esigenze sia di breve periodo che di lungo periodo connesse con  la non autosufficienza delle persone anziane.
Inoltre, la Fides si avvale di due società che operano collateralmente, ma sempre nello stesso ambito: un’immobiliare di costruzioni nel campo delle strutture sanitarie e un’azienda di servizi che cura contabilità, amministrazione e progetti di gestione anche per clientela esterna. 

Gruppo Fides
Fi. D.e S. Medica spa; Centro di Riabilitazione srl; RO.& MAR srl; Genia Immobiliare srl; Fi. D.e S. Servizi srl; Prora srl; Il Fiocco scrl.
Attività: Gestione strutture socio assistenziali sanitarie

Presidente: Roberto Suriani

 

Amministratore Delegato: Umberto Suriani

Direttore Generale: Federico Patrone
Dipendenti: 308 (diretti e indiretti) - Fatturato 2010: 17.000.000 euro circa

Sede Genova:
Piazza Portello 6/2, Via Garibaldi 5
Tel. 010.594256
Fax 010.594442
www.gruppofides.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

liguriaeconomy.it   |   © 2012 DP Media - p.i. 01962480990   |   contattaci   |   privacy & cookies

Le foto presenti su liguriaeconomy.it sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero
contrari alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.