La Cina mette le mani sul porto di Genova

Il sontuoso accordo bilaterale italo – cinese, oltre che mettere in allerta l’amministrazione Trump (Italia unico paese della Ue a firmarlo), far scattare sul chi va là il forzista

genovese Maresca e far rabbrividire il neo segretario del Pd Nicola Zingaretti (“dobbiamo prima pensare all’Unione Europea” ha detto il Governatore laziale), fra gridare allo scandalo i Radicali, prevede anche pesanti investimenti asiatici sul porto di Genova, per la realizzazione di varie piattaforme utili, in particolare, al colosso giallo in Liguria.
Sono in tutto 29 gli accordi siglati a Villa Madama durante la visita del presidente Xi Jinping con il presidente del Consiglio italiano, Giuseppe Conte. Diciannove quelli istituzionali: dai porti (in particolare quello di Genova) all’energia, fino alla promozione dello stile di vita italiano in Cina, basato sul turismo e sulla qualità del nostro cibo e vestiti.

liguriaeconomy.it   |   © 2012 DP Media - p.i. 01962480990   |   contattaci   |   privacy & cookies

Le foto presenti su liguriaeconomy.it sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero
contrari alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.