Terminal Vado Ligure, passa il no

Il terminal di Vado Ligure

VADO LIGURE (SV). “È passato il no al referendum indetto il 19 e 20 maggio per consultare i lavoratori sull’ipotesi di accordo aziendale siglata dalla sola Uiltrasporti: vince

quindi il principio, sostenuto da Filt Cgil e Fit Cisl, che la concorrenza nei porti non si fa sul costo del lavoro e che la contrattazione collettiva di settore deve rimanere il punto di partenza per garantire sicurezza e tutele”: è quanto si legge in una nota di Filt Cgil e Fit Cisl liguri.

“Un referendum – prosegue la nota – indetto secondo le regole del testo unico sulla rappresentanza proprio nel giorno in cui si celebravano i 50 anni dello Statuto dei lavoratori: purtroppo la consultazione è stata segnata dalle polemiche per l’esclusione della Filt Cgil dalla commissione elettorale, fatto che ha portato ad un ricorso per comportamento antisindacale depositato contro l’azienda. A questo punto, vista la volontà dei lavoratori di non accettare le deroghe al Ccnl proposte su orario di lavoro, regimi di flessibilità e norme sullo straordinario, l’azienda dovrà riflettere sull’esito del referendum e prenderne atto riconsiderando le proprie posizioni per tornare al tavolo riaprendo la trattativa”.

“Bisogna costruire finalmente per i lavoratori del terminal Vado Gateway – conclude la nota – un accordo aziendale dignitoso che contenga gli strumenti adeguati alla gestione della prima piattaforma semi automatizzata del Mediterraneo nella quale sono stati investite ingenti risorse pubbliche anche per sostenere un territorio segnato da anni da una pesante crisi industriale”.

liguriaeconomy.it   |   © 2012 DP Media - p.i. 01962480990   |   contattaci   |   privacy & cookies

Le foto presenti su liguriaeconomy.it sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero
contrari alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.