Patto di collaborazione per le grandi opere

Un patto di collaborazione sulle grandi opere, dalla Tav alla Gronda di Genova, per dire no all’immobilismo. A lanciare l’idea sono i capigruppo del Partito Democratico della Regione Liguria

Giovanni Lunardon e della Regione Piemonte Domenico Ravetti. “Il tema delle infrastrutture – spiegano i due esponenti del Pd – resta il fulcro dello sviluppo del Nord Ovest: una questione centrale, che va affrontata in modo globale e unendo le forze. La Tav non è solo un’opera utile al Piemonte, ma a tutto il Paese e lo stesso vale per la Gronda autostradale genovese. Senza infrastrutture come queste si mette a repentaglio non solo lo sviluppo di un’intera area (il Nord Ovest), ma si rischiano forti ripercussioni sull’economia italiana. Proprio per questo crediamo sia giunto il momento lottare insieme, per impedire al Governo gialloverde di ipotecare il nostro futuro”.

“Da mesi – spiega Ravetti – l’esecutivo Lega-5 Stelle sta prendendo tempo, rinviando ogni decisione su un’opera di grande importanza non solo per il Piemonte, ma per l’Europa come la Tav Torino-Lione. Le due anime politiche che governano l’Italia proseguono una trattativa infinita, fatta di slogan e di dichiarazioni stampa, giocando con il futuro e lo sviluppo del nostro Paese. Se l’11 marzo prossimo - prosegue Ravetti – Telt non riceverà dal Governo la lettera che sblocca i bandi di gara per la realizzazione della Torino-Lione saremo al fianco del Presidente Chiamparino per promuovere una consultazione popolare, chiedendo ai cittadini piemontesi di scegliere tra il ritorno al Medioevo e una linea moderna che rivoluzionerà il trasporto ferroviario. La chiusura dei cantieri significherà, inoltre, che 1000 persone resteranno senza lavoro e, insieme alle loro famiglie, pagheranno le scelte irresponsabili di un esecutivo contraddittorio che, in pochi mesi, ha portato l’Italia in recessione e che ci sta condannando all’isolamento”.

Lunardon chiede al Governo “di sbloccare subito l’impasse sulla Gronda autostradale genovese. I cantieri per le opere propedeutiche dovevano partire a ottobre – spiega il capogruppo del Pd ligure – ma da cinque mesi è tutto fermo, in attesa di una fantomatica analisi costi benefici, che assomiglia sempre di più a una presa in giro. La Gronda è un’infrastruttura attesa da decenni, il cui iter autorizzativo è giunto a compimento grazie ai Governi di centrosinistra. Adesso Lega e 5 Stelle stanno rimettendo tutto in discussione, sequestrando il futuro della Liguria e del Nord Ovest. Dopo la tragedia del Morandi e in attesa della ricostruzione è ancora più urgente far partire la Gronda autostradale, per dare una risposta allo sviluppo della portualità ligure, che è al servizio dell’intero Paese”. 

liguriaeconomy.it   |   © 2012 DP Media - p.i. 01962480990   |   contattaci   |   privacy & cookies

Le foto presenti su liguriaeconomy.it sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero
contrari alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.