Sciopero dei tir, centro di Genova ko

I tior che bloccano il traffico tra Via XX Settembre e piazza De Ferrari

Questa mattina il Partito Democratico era in piazza a Genova per la protesta del comparto dei trasporti, convocato da Filt-Cgil e Uil Trasporti, a causa dei pesanti danni economici

che la Liguria sta subendo in seguito agli innumerevoli cantieri per la messa in sicurezze delle rete autostradale. Condividiamo le richieste dei sindacati e sollecitiamo l'immediata aperture di un tavolo tra MIT, Aspi e Regione per condividere il piano delle manutenzioni sulle autostrade, coniugando sicurezza e diritto alla mobilità; Regione Liguria, senza perdere altro tempo, potenzi l’offerta ferroviaria oltre il 100% rispetto alla fase pre covid e coordini tempi e modalità dei cantieri sulle autostrade e sulla viabilità ordinaria; infine chiediamo al Mit di avviare un confronto con le categorie economiche, per definire indennizzi certi e certificati che diano una boccata d’ossigeno a chi è stato maggiormente colpito dal caos autostradale, dalle attività portuali all’autotrasporto, fino al turismo.

Lo diciamo ancora più chiaramente: il modo migliore per chiudere ogni polemica sollevata nei giorni scorsi è aprire e chiudere al meglio una discussione sugli indennizzi. L'emergenza in Liguria non è certo finita e non è mai stata immaginaria. Tutti devono collaborare, dal Governo alla Regione. Da parte nostra ci stiamo impegnando attivamente per sostenere, attraverso i nostri rappresentanti a livello nazionale, gli interessi dei cittadini liguri, dei lavoratori del trasporto, delle aziende e dei tanti settori produttivi colpiti.

 

Gruppo PD in Regione Liguria.

Gruppo PD Comune di Genova.

PD Liguria.

PD Genova.

liguriaeconomy.it   |   © 2012 DP Media - p.i. 01962480990   |   contattaci   |   privacy & cookies

Le foto presenti su liguriaeconomy.it sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero
contrari alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.