lunedì, Ottobre 25, 2021
SPACE, il sostegno alla cultura di Fondazione Compagnia di San Paolo

SPACE, il bando con disponibilità complessiva di 1.5 milioni di euro, intende selezionare e poi accompagnare incentivare, sostenere e corroborare in un progetto triennale i Nuovi Centri Culturali, Centri Culturali Indipendenti e Centri di aggregazione Civica per garantire e preservare l’esistenza e sostenere le potenzialità di soggetti con un ruolo di primaria importanza per la realizzazione di iniziative di sviluppo civico e culturale.

Il bando è rivolto a SPAZI, aperti alla cittadinanza, che fungono da presidi culturali e civici dedicati a un territorio o una collettività specifica e quindi caratterizzati da una forte relazione con chi li frequenta; si deve trattare di spazi di inclusione culturale e sociale, multifunzionali, eventualmente aperti all’uso spontaneo e informale da parte degli abitanti del territorio, gestiti con una buona capacità di produrre risorse, tesi alla maggiore autonomia economica. La loro sede deve essere situata in Piemonte, Liguria o Valle d’Aosta.

 

“La Fondazione, coerentemente con il proprio piano strategico presentato pochi giorni fa, con il bando SPACE intende identificare quelle realtà con maggiore potenziale ad accompagnarle in un percorso triennale mettendo loro a disposizione alcuni strumenti di una “cassetta di attrezzi” propri della filantropia più avanzata da accostare all’erogazione del grant. Confidiamo in questo modo di aiutarli a potenziare e rafforzare le loro capacità organizzative, gestionali e progettuali per avere, alla fine del percorso, presidi culturali e civici solidi, di riferimento e stimolanti per la partecipazione civica e culturale dei cittadini” Dichiara Rosanna Ventrella – Vice Presidente della Fondazione Compagnia di San Paolo (il video https://www.youtube.com/watch?v=GdIPvn869ns )

Le iniziative dovranno essere presentate alla Fondazione Compagnia di San Paolo entro le ore 12:00 del 5 marzo 2021.

Il progetto si delinea a partire dal bando Rincontriamoci che, nel pieno del periodo emergenziale causato dalla pandemia da COVID-19, ha tracciato un quadro di intervento concreto al comparto culturale, duramente provato dalla crisi che ne è conseguita, e ai presidi sul territorio, a tutti gli effetti generatori di valore sociale, al fine di favorire, incentivare e condurre verso nuove dinamiche relazionali e di coesione sociale.

SPACE, si avvale inoltre dei risultati della ricerca condotta da cheFare, agenzia per la trasformazione culturale      – collaborazione nata dall’intenzione di voler fornire un contributo concreto, mirato e impattante – volta ad individuare le peculiarità dei 225 presidi civici e culturali che hanno partecipato al Bando Rincontriamoci nel 2020.

Questa iniziativa si affianca alla chiusura della prima tappa de laGuida, il Festival dei nuovi centri culturali promosso da cheFare e primariamente supportato da Fondazione Compagnia di San Paolo, che nel corso del 2020 ha contribuito a far emergere le dimensioni di questo fenomeno in Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta.

Gli aspetti indagati dalla ricerca – anagrafici e identitari – hanno contribuito a conoscere e individuare puntualmente tali presidi e le specificità e potenzialità che li rendono soggetti strategici all’interno del contesto civico e culturale in Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta e hanno fornito un quadro fondamentale per un’azione mirata sul territorio, oltre che una prima definizione del contesto all’interno in cui questi spazi operano, quali strumenti hanno a disposizione e in che modo li implementano.

Dallo studio e dalla mappatura realizzata dalla ricerca sono state messe in luce realtà ed individuati presidi civici e culturali essenziali per l’infrastruttura sociale, culturale ed economica dei territori su cui si è deciso di investire avviando un percorso di medio-lungo termine.

Per accedere al bando: www.compagniadisanpaolo.it

LIGURIAECONOMY TV

Intervista al presidente di Confindustria Genova Giovanni Mondini

Intervista all’imprenditore Sebastiano Gattorno

Intervista al direttore generale di Spediporto Giampaolo Botta