lunedì, Ottobre 3, 2022
“Carige e Creditis for Treedom”, far crescere i progetti sostenibili delle famiglie

Parte questa settimana e proseguirà fino al 31 dicembre, “Carige e Creditis for Treedom”, iniziativa innovativa volta a creare un circuito virtuoso tra finanza, progetti delle famiglie e benessere del Pianeta, con migliaia di alberi piantati nel Sud del Mondo.

L’operazione è dedicata ai clienti del Gruppo Banca Carige che accederanno al prestito personale Mysura Green, finalizzato alla realizzazione di interventi di ristrutturazione e riqualificazione energetica delle abitazioni o all’acquisto di mezzi di trasporto a basso impatto ambientale, ambiti dove oggi è particolarmente forte la sensibilità ecologica delle persone. Mysura Green è stato appositamente studiato da Creditis, partner per i finanziamenti personali del Gruppo Carige, in collaborazione con Treedom, ente no profit che supporta la realizzazione di sistemi agro-forestali e il benessere ambientale.

Alla base del nuovo prodotto, e della campagna che accompagnerà la crescita della “Foresta Creditis-Carige”, vi è il valore del network che lega l’impegno di Banca Carige e Creditis per un finanziamento con un pricing particolarmente favorevole al cliente, anche in modalità totalmente paperless per ridurre l’impatto ambientale, alle aspirazioni delle persone nei confronti di uno stile di vita più sostenibile con un’azione concreta, tangibile e misurabile, per il benessere del pianeta. Questa azione si svilupperà in particolare in diversi paesi in via di sviluppo dove il verde e la ricchezza che esso produce per le popolazioni locali, e per tutti noi, sono sempre più a rischio.

Grazie all’acquisto dei primi 1.000 alberi contribuiamo all’assorbimento di 20 tonnellate di CO2 ogni anno, sostenendo la biodiversità del luogo di piantumazione e aiutando economicamente le comunità autoctone. La nostra Foresta nascerà nei paesi più bisognosi del mondo, come Haiti, Tanzania, Kenya e Colombia, e gli alberi piantati apparterranno a specie, quali gli alberi da frutta, che creano valore per l’economia locale.

Ogni cliente che attiverà il prestito Mysura Green potrà adottare il proprio albero e seguire la sua storia online insieme ai progetti che riguardano la comunità locale accedendo alla piattaforma https://www.treedom.net/it/organization/creditis-carige.

“Credo di poter dire che il lancio di questa iniziativa è stato desiderato fortemente da entrambe le parti: con Mysura Green, Creditis e Carige confermano una partnership importante ampliando la gamma prodotti e la collaborazione all’insegna della sostenibilità sociale e ambientale – dichiara Mauro Viotto Amministratore Delegato di Creditis – Da oggi chi ci sceglie per finanziare i suoi acquisti eco-friendly, dall’auto all’abitazione, ha la possibilità di massimizzare il proprio impatto positivo sul Pianeta, grazie alla Foresta che vedremo crescere insieme.  Questo è un impegno profondamente in linea con i valori che da sempre ci contraddistinguono; un impegno che oggi più che mai trova un riscontro concreto: aiutare l’ambiente e le comunità più bisognose”.

“Mysura Green è una soluzione finanziaria semplice, veloce e trasparente, in linea con le migliori best practice del mondo della finanza, che premia in maniera concreta un comportamento responsabile che dalle mura delle nostre case e dalle nostre strade si estende, grazie al ruolo che come banca siamo orgogliosi di svolgere, a tutto il pianeta – commenta Michela Sossella, Responsabile Strategie Commerciali di Banca Carige – Il prestito che oggi presentiamo in partnership con Creditis è la dimostrazione concreta che tramite una scelta di mobilità sostenibile o di riqualificazione energetica della nostra casa non solo possiamo migliorare la nostra vita e quella della nostra famiglia ma quella di tutti i nostri simili in ogni parte del mondo.

Insieme ai nostri clienti, seguiremo con passione la crescita della “Foresta Creditis-Carige” ed i progetti di sviluppo che da essa nasceranno per un mondo migliore”.

LIGURIAECONOMY TV

Intervista al presidente di Confindustria Genova Giovanni Mondini

Intervista all’imprenditore Sebastiano Gattorno

Intervista al direttore generale di Spediporto Giampaolo Botta