sabato, Agosto 13, 2022
Porto, è green il nuovo mezzo del Gruppo Spinelli

Il Gruppo Spinelli ha inserito nel suo immenso parco veicoli, composto da oltre 600 mezzi, una ralla elettrica. Si tratta di un veicolo progettato per trasportare rimorchi in centri di distribuzione, depositi, terminal container, centri di raccolta rifiuti e aeroporti.

Le applicazioni dei trattori da cantiere sono considerate ideali per l’elettrificazione, poiché di solito i mezzi non operano lontano dalla base di origine, dove sono ubicate le stazioni di ricarica. Gli avviamenti e gli arresti frequenti garantiscono i benefici della frenata rigenerativa e di solito i mezzi possono essere ricaricati tra i turni di lavoro.

Nella maggior parte delle applicazioni, l’YT202-EV può operare per un turno completo da 9 o 10 ore ed essere ricaricato in 2 o 4 ore.

Azionamento completamente elettrico significa che l’utilizzo del veicolo è efficiente in termini di consumi e non comporta emissioni durante il suo utilizzo. Il motore elettrico ed è estremamente più silenzioso. Il motore elettrico necessita di una manutenzione estremamente ridotta rispetto alla versione diesel. Inoltre, la mancanza di emissioni di CO2, bassi livelli di rumorosità e vibrazioni sono dei chiari vantaggi, in particolar modo quando si opera all’interno di edifici.

Il suo utilizzo contribuirà a costruire un futuro ecologico migliore, grazie a un nuovo modo di gestire i trasporti più ecosostenibile.

Ecco le caratteristiche di questa ralla elettrica

– Prestazioni simili al motore diesel

– La batteria offre un intervallo di funzionamento maggiore rispetto al modello precedente

– Operatività in qualsiasi condizione climatica: anche in climi molto freddi e caldi

– Numero di parti in movimento molto inferiore rispetto al diesel e ai precedenti veicoli elettrici, con conseguente riduzione dei costi di manutenzione

– Supporta la frenata rigenerativa, riducendo i consumi di energia

LIGURIAECONOMY TV

Intervista al presidente di Confindustria Genova Giovanni Mondini

Intervista all’imprenditore Sebastiano Gattorno

Intervista al direttore generale di Spediporto Giampaolo Botta